Grande successo per le prime tre serate del Black Festival che oggi e domani presenterà i due grandi concerti finali m piazza dei Priori con Nina Zilli, Fabrizio Bosso e Earth, Wind and Fire Experience feat.

La prima serata ha fatto registrare il tutto esaurito all'auditorium S. Domenico per l'apertura affidata a Gino Paoli e Danilo Rea, che hanno emozionato ed incantato il pubblico, che ha accompagnato il tempo con le mani cantando classici famosi come "La gatta", ha sognato sulle note di "il cielo in una stanza" e "Senza fine", ha riportato la mente indietro con "Sapore di sale" e si è emozionato con "Una lunga storia d'amore", lasciandosi trasportare dalla voce di Gino Paoli e dai virtuosismi di Danilo Rea che ha incantato tutti con il suo pianoforte.

Bene anche la seconda serata con Dado Moroni e Max lonata che hanno conquistato il pubblico con la loro musica ed i loro virtuosismi, trasportando tutti nel mondo del jazz. Il duo ha regalato piacevoli emozioni sia nell' esecuzione delle melodie più leggere e riconoscibili come "The Intimacy of the Blues", sia nei momenti meno informali e più votati all'atmosfera raffinata come in "Day Dream".
Un duo vincente che ha catturato l'attenzione facendo ascoltare il proprio modo di suonare sui brani del grande Duke Ellington. E dopo il successo di ieri sera dell'Enzo Pietropaoli Quartet che ha chiuso la trilogia di concerti all'auditorium, stasera il Black Festival si sposterà nel palco di piazza dei Priori dove si esibiranno Nina Zilli e Fabrizio Bosso con "We love you", omaggio live alle grandi voci della musica soul: da Amy Winehouse a Nina Simone, passando per Sam Cooke, Otis Redding, Etta James, Marvin Gaye e molti altri.

Un viaggio attraverso la musica di Detroit, la Motown, il blues di Chicago e il Philadelphia sound. Lo spettacolo realizzato dal trombettista torinese con la cantante torinese prende spunto dall'iniziale tributo all'artista inglese scomparsa troppo presto, ma soprattutto dal desiderio di omaggiare tutta la grande musica cui la stessa Winehouse si è ispirata.
Bosso contamina il suo jazz e Nina Zilli esce dall' universo pop delle sue esperienze recenti per rendere omaggio ad un repertorio che appassiona entrambi. Sul palco ci sarà una band di musicisti eccezionali, formata da elementi scelti accuratamente da Fabrizio Bosso per le qualità non solo tecniche e strumentali ma anche per l'approccio trasversale alla musica. Al pianoforte e alle tastiere Julian Oliver Mazzariello, alle chitarre Egidio Marchitelli, al basso e contrabbasso Marco Siniscalco e alla batteria Emanuele Smimmo.

Corriere dell'Umbria Venerdì 30 Agosto 2013

0 commenti

Posta un commento

Cerca notizie e informazioni su Narni e l'Umbria

Trova per argomento

Trova per mese di pubblicazione

Provincia di Terni News

Narni: Ultimi commenti