L'idea era nell'aria da tempo, già quando l'assessorato alla mobilità e al traffico del Comune era guidato dal socialista Enzo Proietti Grilli; oggi, di fatto, il "Piedibus" diventa realtà, con un'organizzazione al dettaglio messa in piedi dall'attuale amministrazione comunale.
Per l'anno scolastico in corso la volontà è stata così quella di aiutare i bambini a riappropriarsi del piacere di camminare e di conoscere la propria città, fare del sano movimento, e, non meno importante, apprendere i fondamenti dell'educazione stradale non solo a livello teorico, ma sperimentandoli direttamente.
Nasce dunque il "Piedibus", il più nuovo, sicuro, divertente e salutare modo per andare e tornare da scuola.
"i bambini - spiegano dal Comune - vanno a scuola in gruppo, seguendo un percorso stabilito e raccogliendo passeggeri alle "fermate" del bus, predisposte lungo il cammino.
Ogni gruppo di bambini che forma il Piedibus ha un adulto "autista" sul davanti e un adulto "controllore" nella parte posteriore.
Gli adulti accompagnatori sono soggetti formati per poter svolgere il servizio in condizioni di sicurezza e il servizio è gratuito.
Si viaggia col sole e con la pioggia; ciascuno indossa un gilet rifrangente e il percorso ha la durata di soli 15 minuti."
Di fatto, l'iniziativa garantirà anche una drastica riduzione del traffico di autovetture nei pressi delle sedi scolastiche e, di conseguenza, aiuterà a ridurre la concentrazione di inquinanti ambientali.
Ogni Piedibus avrà un nome, un logo, dei colori e segni particolari. Percorrerà un itinerario predefinito e protetto, in orari prestabiliti, con fermate dove i genitori porteranno i bambini.
Se gli alunni dovessero arrivare in ritardo e perdere il Piedibus sarà responsabilità dei genitori accompagnarli a scuola, preferibilmente sempre a piedi.
Ciascuno sarà fornito di un kit composto da cappellino, pettorina e una mantellina (in caso di pioggia), mentre gli accompagnatori indosseranno un apposito kit composto da un marsupio, un ombrello in caso di pioggia, un cappellino, un gilet giallo, una paletta rigida verde/rosso con scritto il proprio numero di Piedibus, un fischietto, un giornale di bordo nel quale è trascritto l'elenco degli appartenenti al suo Piedibus.
Nel servizio di andata, gli accompagnatori porteranno i ragazzi del proprio Piedibus dal capolinea fino al Punto di Arrivo davanti alla scuola, nel quale si convogliano gli eventuali Piedibus.
Al termine del percorso di andata consegneranno alla segreteria della scuola il registro dei presenti al Piedibus.
Nel servizio di ritorno, le mascotte "prenderanno" i ragazzi dal Punto di Arrivo/Partenza davanti alla scuola e guideranno i ragazzi fino al capolinea

0 commenti

Posta un commento

Cerca notizie e informazioni su Narni e l'Umbria

Trova per argomento

Trova per mese di pubblicazione

Provincia di Terni News

Narni: Ultimi commenti