Giove in Umbria

Collocato su una collina che degrada dolcemente verso il Tevere, il piccolo borgo di Giove vanta antiche origini. Il territorio su cui sorge Giove era abitato fin dall'antichità.
Il singolare toponimo deriva dalla presenza di un vetusto tempio dedicato al padre degli dei pagani. In epoca romana il centro ha avuto grande importanza; numerosi reperti archeologici (monumenti funerari, cocci e monete), risalenti a quel periodo, sono stati rinvenuti in tutto il territorio circostante.
La cinta muraria - in parte ancora visibile - che racchiude il centro storico è di epoca medievale. A partire dal XII secolo il Castello di Giove fu molto ambito per la sua strategica posizione sul fiume Tevere. A contenderlo, nei secoli, furono, tra gli altri, la Chiesa, i potenti signori di Alviano, gli Anguillara, gli Amerini, i Farnese e ancora i Ricciardi e i conti di Acquarone. Il solenne e sontuoso Palazzo Ducale, risalente all'inizio del '500, è stato edificato sui resti di una preesistente fortezza.
Si raccomanda una visita alla Chiesa Parrocchiale di Giove nel cui interno è custodita una raffinata tavola dell'Assunta. Altri edifici di considerevole interesse sono il Palazzo Mattei e la Chiesa di San Rocco.


Visualizzazione ingrandita della mappa

0 commenti

Posta un commento

Cerca notizie e informazioni su Narni e l'Umbria

Trova per argomento

Trova per mese di pubblicazione

Provincia di Terni News

Narni: Ultimi commenti