Una vera e propria avventura, un grande lavoro che premia tutti gli attori scesi in campo: da domani, mercoledì primo settembre, inizierà finalmente la sua attività la sala scherma narnese intitolata a Carlo Carnevali, l'ex ct della nazionale di Spada scomparso per un malore a capodanno del 2009. Dopo tanti anni di attesa e l'impegno di molti, dall'Amministrazione comunale ai semplici amanti dello sport, si ricomincia a tirare di scherma a Narni. Una promessa mantenuta dal Comune di Narni, un impegno irrinunciabile specie dopo la morte di Carnevali, che aveva ferito l'intera comunità e il mondo della scherma. Lo sa bene chi, occupando posti dirigenziali a livello regionale, come Alessandro Bartoli, ha seguito da vicino tutta la vicenda. La sede scelta è la palestra di San Girolamo, rinnovata e dotata di tutte le strutture necessarie a garantire un ottimo servizio agli atleti interessati a uno sport che dà sempre più soddisfazione all'Italia. Le insegnanti saranno le cugine Michela e Cristiana Cascioli ma non è escluso che qualche altra vecchia conoscenza del circolo ricominci ad allenare stimolato dal ritorno della scherma nella città di Narni.
Tuttavia il 'corpo docenti' composto dalle due schermitrici offre assolute garanzie per costruire altri campioni che tra Narni e Terni sembrano trovare terreno fertile. Ottimo l'apporto iniziale del vicino circolo ternano. Non c'è nessun accordo scritto e Narni sarà una sede completamente autonoma. L'aiuto per l'avviamento dei lavori, però, è utilissimo specie sotto il punto di vista del risparmio sull'investimento economico in strutture fornite, appunto, dai ternani. Fondamentale sarà anche la collaborazione con l'Ente e i terzieri della Corsa all'anello: è ferma intenzione dei responsabili della sala aprire le porte a corsi e stage di scherma storica. Una disciplina che potrebbe aumentare il valore sia della nuova sala sia quello dei terzieri stessi. Intanto sotto col lavoro. Ci si allena ogni giorno, in attesa dell'inaugurazione che avverrà alla presenza di numerosi campioni: Margherita Granbassi, la Cascioli, Alfredo Rota, anche per dire grazie a Carlo del lustro che ha dato allo sport e alla città
Cesare Antonini
Corriere dell'Umbria Martedì 31 Agosto 2010

0 commenti

Posta un commento

Cerca notizie e informazioni su Narni e l'Umbria

Trova per argomento

Trova per mese di pubblicazione

Provincia di Terni News

Narni: Ultimi commenti